Oggi vi parlo di una piccola passione che mi accompagna da qualche tempo durante le ore di calma e riposo (ben poche ahimè).

Nello specifico desidero parlarvi dei mandala.

 

Sabbia mandala creato il monastero di Drepung Gomang del Tibet. Fotografia per gentile concessione di Drepung Gomang arte sacra tour di gruppo.

Fonte: Nationa Geographic.com

 

Il mandala non è solo una forma d’arte, ma è soprattutto un forte simbolo spirituale nell’induismo e nel buddismo.

Addirittura in alcuni casi si crede che il mandala generi energie positive e riesca a far evolvere la mente da “ordinaria” ad “illiminata”.

Beh, nel mio caso diciamo che non vado cercando nulla di tutto ciò, ma colorare mandala mi aiuta a trascorrere delle ore serene, rilassandomi senza pensare a nulla.

Su internet si trovano tantissimo disegni in bianco e nero pronti per essere colorati ma proprio ieri ho deciso di acquistare un libro così da poterli tenere tutti insieme anche dopo averli terminati.

Il libro è della linea “Libri antistress da colorare”, ed io ho scelto le figure creative:

 

 

Il libro è edito dalla Newton Compton, ha una copertina rigida , ben 112 pagine ed il costo si aggira intorno ai € 4,90 (lo potete trovare anche a meno on-line).

I disegni al suo interno sono sia a pagina intera che non, ed io li trovo davvero molto intricati ma bellissimi da definire!

Per primo ho deciso di realizzare questo:

 

 

Questa foto l’ho scattata a metà realizzazione:

 

 

Mentre questo è l’esito finale:

 

 

Si riescono ad ottenere dei disegni talmente belli che a mio avviso è pure possibile crearne dei quadretti da appendere in tutta la casa!

Fatemi sapere cosa ne pensate, se vi piacciono o se li colorate anche voi!

Alla prossima 🙂